GUARDA

I VIDEO

DELLE

PUNTATE DI

CASANIMA

Wanda Ferro

Nata a Catanzaro il 24 marzo del 1968, Wanda Ferro, dopo avere conseguito il diploma presso il Liceo Linguistico di Catanzaro, si è laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi della Calabria.

Il suo impegno politico parte dall’Università di Messina, dove è stata attivista del FUAN.
Tornata a Catanzaro si è iscritta al MSI entrando nel ’94 nel Circolo di Alleanza Nazionale “Quarto Colle”. A gennaio ’95 ha partecipato allo storico congresso di Fiuggi che segnava il passaggio dal MSI ad AN. 

La sua prima candidatura arriva nel ’97, al Consiglio Comunale di Catanzaro nella lista di AN, ed in quella circostanza risultò unica donna eletta. Dal ’99 è stata Presidente della Commissione Comunale delle Pari Opportunità.
Nel 2001 si candida per la seconda volta, sempre con AN, a Consigliere Comunale di Catanzaro e viene rieletta.  In quella legislatura il Sindaco Sergio Abramo gli assegna la delega di Assessore alla Cultura, Spettacolo, Pari Opportunità, Politiche Giovanili, Gestione Edifici Artistici, Biblioteca ed Archivio Storico del Comune di Catanzaro.
Dal 2001 al 2006 è stata Consigliere di Parità Regionale, quale membro supplente dalla Regione Calabria.
Arriva nel luglio 2003 il primo importante incarico nel partito, essendo nominata dal Presidente Nazionale di AN onorevole Gianfranco Fini Commissario della Federazione Provinciale di Catanzaro dei Circoli di Alleanza Nazionale.
Nel 2004 si candida a Consigliere Provinciale in AN e sarà ancora l’unica donna eletta, vincendo il collegio Catanzaro centro con il 25% delle preferenze e 1.289 voti.
Arriva il 2006 e sarà prima candidata alla Camera dei Deputati con Alleanza Nazionale in Calabria, poi per la terza volta a Catanzaro eletta Consigliere Comunale  in AN.  Assumerà la carica di Vicepresidente del Consiglio Comunale, oltre ad essere componente di diverse commissioni consiliari. 
Un importante risultato arriva nell’aprile del 2007 quando viene eletta all’unanimità dal Congresso Presidente della Federazione Provinciale di Catanzaro dei Circoli di Alleanza Nazionale. Nello stesso anno diventa componente del Coordinamento Regionale di Alleanza Nazionale della Calabria.
Il 2008 è un anno difficile da dimenticare: il centrodestra punta su di lei per la successione a Michele Traversa quale Presidente della Provincia di Catanzaro e viene eletta al ballottaggio contro Piero Amato del PD con oltre il 60% delle preferenze. Per la prima volta una donna diventa Presidente di una provincia calabrese.
Ancora nel 2008 assume la Presidenza dell’U.P.I. (Unione Province Italiane) Regionale della Calabria e nel 2009 viene nominata componente del Consiglio Direttivo dell’U.P.I. Nazionale.
Nel 2009 nasce un nuovo soggetto politico, il Popolo della Libertà, al quale aderisce Alleanza Nazionale. Parteciperà a Roma  ai due congressi che hanno definito questo percorso; poi, nel 2012 verrà eletta, ancora all’unanimità dal Congresso, Coordinatore del Popolo della Libertà della Provincia di Catanzaro.
Quando nel 2014 ci sarà il passaggio dal Popolo della Libertà a Forza Italia, sarà prima Commissario Provinciale e poi Vice Coordinatrice Regionale di Forza Italia
In questi anni assume altri importanti incarichi, come quello di vicepresidente del Parco Nazionale della Sila (dal 2012 fino al 2014 quando le sono state assegnate le funzioni di Presidente) e, dal 2013, di componente del CdA della SACAL, società aeroportuale di Lamezia Terme.
Dal 1 maggio 2013, per Decreto del Presidente della Repubblica, è nominata Commissario Straordinario della Provincia di Catanzaro, con funzioni di Presidente, Giunta e Consiglio e con il compito di traghettare l’Ente di Palazzo di Vetro nel nuovo percorso di trasformazione deciso dal Governo.
Nel 2014 viene candidata a Presidente della Regione Calabria con il sostegno di tre liste: Forza Italia, Fratelli d’Italia-An e Casa delle Libertà. All’indomani del voto è esclusa dal Consiglio regionale a causa di una modifica alla legge elettorale regionale approvata sul finire della precedente legislatura e giudicata incostituzionale della Consulta che, investita dal Tar della questione, nel novembre del 2016 ha sancito la bocciatura della norma nella parte in cui non prevedeva l’elezione del cosiddetto “miglior perdente”. Decisione di valenza storica, poi recepita dal Tar nel gennaio 2017, che ha stabilito il suo ingresso in Consiglio regionale.  

Le attività culturali
Il percorso amministrativo di Wanda Ferro è ricco di momenti importanti e significativi. Negli anni in cui ha svolto l’attività di Assessore alla Cultura, la Città di Catanzaro ha vissuto un grande fermento nelle attività culturali: il 29 novembre del 2002 c’è stata l’inaugurazione del nuovo Teatro Politeama, poi ancora l’apertura del nuovo Auditorium Casalinuovo e del Centro di aggregazione di via Fontana Vecchia. In quel periodo sono state ideate importanti rassegne culturali e di spettacolo destinate a segnare il futuro del Capoluogo.

Da Assessore alla Cultura, Wanda Ferro ha promosso numerose mostre all’interno del Complesso Monumentale San Giovanni tra le quali le esposizioni di Andy Warhol, i fumetti di Dylan Dog, la Divina Bellezza, la mostra di Cefaly, fino alla grande esposizione sull’arte della Magna Grecia Archeologia di un sapere organizzata nel 2005 con l’Università Magna Grecia di Catanzaro. Un notevole afflusso di pubblico ha caratterizzato la mostra sui dinosauri organizzata in quegli anni presso il Centro di aggregazione di via Fontana Vecchia. 

Ad agosto del 2001, grazie alla realizzazione dell’Arena Magna Grecia di Catanzaro, ha ideato e promosso la manifestazione “Una città  per Cantare”, rassegna di musica e spettacolo che ha raggiunto in pochi anni una cifra record di presenze consacrandosi come l’evento più importante di tutta la Regione nel suo genere.
Tanti importanti artisti sono saliti in quegli anni sul palco dell’Arena, da Renato Zero a Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, Consoli, Turci & Gazzè, lo strepitoso quartetto Mannoia, Ron, Pino Daniele e De Gregori, il compianto Lucio Dalla, i Pooh, Antonello Venditti, Raf, Laura Pausini, Franco Battiato e tutti i più importanti artisti nazionali, ai quali negli anni si sono aggiunte star internazionali di prima grandezza, da James Brown ad Anastasia, da Gloria Gaynor ad Earth, Wind & Fire, da Solomone Burke a Chic e Kool & the Gang, aprendo di fatto il percorso che anni dopo avrebbe dato vita a “Settembre al Parco”.
Ma “Una Città per cantare” non è stata soltanto una manifestazione musicale, svariando in tanti generi dal cabaret al musical, al teatro, raggiungendo nell’estate del 2002 il momento di maggiore qualità con le quattro serate nell’Arena dell’opera Notre Dame de Paris in prima regionale. Altro indimenticabile spettacolo nell’Arena “the best of Momix”.
Nel 2002 ha partecipato alla formulazione dello Statuto della “Fondazione Politeama”  relazionando nella seduta del Consiglio Comunale di Catanzaro che approvava lo Statuto; nello stesso anno è stata Vicepresidente della Fondazione Politeama alla quale era stato assegnato il compito di gestire il Nuovo Teatro Politeama di Catanzaro ed il Complesso Monumentale del San Giovanni
Ma c’è un evento, in quegli anni di delegata alla cultura, che non si potrà dimenticare: nel settembre 2004, in sinergia con la Provincia e la Regione, organizza in un area a Germaneto allestita per l’occasione,  il concerto di Vasco Rossi, la Woodstock di Catanzaro che con 400mila presenti diventa la più grande concentrazione di massa nella storia dell’Italia del Sud e porta la Città di Catanzaro alla ribalta nazionale con tanto di trasmissione televisiva dell’evento.

La sua attività di Assessore Comunale alla Cultura non si è limitata ai grandi eventi di spettacolo, tant’è che nel 2004 ha proposto l’intitolazione al compianto professore Augusto Placanica della sala lettura della Biblioteca Comunale, nel 2005 ha promosso i lavori di ristrutturazione della Biblioteca Comunale ed anche i lavori per la realizzazione dell’Archivio Storico presso il Complesso Monumentale San Giovanni.

Anche per l’esperienza acquisita da Assessore Comunale, da Presidente della Provincia ha mantenuto la delega alla Cultura e promosso numerose iniziative, restando comunque componente del CdA della Fondazione Politeama e diventando Presidente dell’Orchestra “La Grecia”, con una importante attività di concerti e produzioni liriche.
Alcune iniziative culturali realizzate dalla Provincia durante la sua Presidenza, hanno assunto nel tempo una continuità importante, come le sei edizioni del premio letterario Parole nel vento, e soprattutto le otto edizioni di Settembre al Parco, rassegna di spettacolo che ha raccontato la grande storia della musica internazionale ottenendo un grande successo di critica e di pubblico e diventando un evento di portata nazionale. 

L’arte contemporanea ha dato importanti riconoscimenti in campo nazionale ed internazionale,  e l’attenzione alle iniziative volute sulla sua presidenza è stata rivolta dalle più importanti testate giornalistiche agli eventi realizzati tra il Parco Scolacium di Roccelletta di Borgia ed il museo MARCA di Catanzaro. 
Le diverse edizioni di Intersezioni al Parco Scolacium con le opere di Dennis Oppenheim, Michelangelo Pistoletto, Mauro StaccioliDaniel Buren, al Museo MARCA di Catanzaro le mostre di  Alex Katz Antoni Tàpies, Alessandro Mendini, Luigi MagliEnzo CucchiMario Parentela; Glaser/Kunz; Angelo Savelli;   Agostino Bonalumi; e ancora le mostre  MicrocosmosBookhouse , Mathausen .

Alcuni di questi eventi hanno contribuito alla creazione del Parco Internazionale della Scultura all’interno del Parco della Biodiversità di  Catanzaro, oggi aperto al pubblico che può ammirare le installazioni permanenti di Michelagelo Pistoletto, dell’artista americano Dennis Oppenheim, le opere di Tony Cragg, Jan Fabre, Mimmo Paladino, Antony Gormley, Stephan Balkenhol, Wim Delvoye, Marc Quinn, il cerchio di Mauro Staccioli ed a breve anche l’installazione di Buren. Tutte opere che hanno consacrato la città di Catanzaro come una delle capitali mondiali dell’Arte Ambientale.

 

L’amministrazione
L’esperienza di Presidente della Provincia dal 2008 al 2013 e di Commissario Straordinario dal 2013 ad oggi, le ha permesso di contribuire al rilancio economico e sociale della Provincia, con l’inaugurazione di numerosi nuovi istituti scolastici, impianti sportivi come il centro ippico Valle dei Mulini e il Centro sportivo di Squillace, importanti opere di viabilità.  

Dal 2011 a Catanzaro, Lamezia Terme e Soverato ha promosso le prime edizioni del Forum E-labòra, iniziativa dedicata ai temi dell’orientamento, della formazione e del lavoro, che ha offerto a molti giovani in cerca di occupazione l’opportunità di sostenere dei colloqui con imprese interessate ad assumere per specifici profili lavorativi.

 

Riconoscimenti
Per citare solo alcuni recenti e prestigiosi riconoscimenti, nel 2010 Wanda Ferro ha ricevuto il titolo di Cavaliere con il conferimento di onorificenze dell'Ordine «Al merito della Repubblica italiana». 

Nel 2012 il comune di Ionadi, in provincia di Vibo Valentia, la onora conferendole la
Cittadinanza Onoraria.

Anche diversi sondaggi l’ hanno vista ai vertici delle graduatorie nazionali come indice di gradimento dei 108 Presidenti delle Province: nel dicembre 2009/Governance Poll 2009 - Sole 24ore il 13° posto con il 62,5%, nel settembre 2010/Monitor Province il 10° posto/ tra le donne con il 61,9%, nel dicembre 2010/Fullresearch il 4° posto/ tra le donne con il 62,4%; nel marzo 2011/Monitor Province il 3° posto/ tra le donne con il 62,4%, nel settembre 2011/Monitor Province il 2° posto/ tra le donne con il 63,3%, nel dicembre 2011/Fullresearch il 7° posto/ tra le donne con il 63,0%.  

Wanda Ferro




«
©2016 by Marchimede - P. IVA 03242430795
Casanima è un marchio Marchimede.
Disclaimer  |  Privacy  |  Copyright
--------------